Medicina di precisione per affrontare il cancro pediatrico

Il team del gruppo Cancro e malattie ematologiche dei bambini a Vall d’Hebrón.

Il Ospedale Vall d’Hebron è disposto a modificare lo ‘status quo’ collegato cancro pediatrico in Spagnascommettendo sul portare il medicina di precisione ai pazienti con cancro recidivante attraverso la sua partecipazione al test clinico europeo mappyacts. La ricerca, ora completata e pubblicata sulla rivista Scoperta del cancroha permesso di dimostrare i vantaggi della realizzazione studi più ampi che caratterizzano il profilo molecolare di tumori e aumentare il accesso del popolazione pediatrica alla sperimentazione di terapie mirate. Ora, l’ospedale ha avviato le procedure per partecipare al atti mappy 2che mira ad aumentare il numero di biomarcatori predittivi risposta con evidenza elevata, migliorare il droghe approvato prodotti mirati per la popolazione pediatrica e generarne di più test clinici legato a questa popolazione.

Aroa Soriano Fernandezricercatore principale del gruppo Vall d’Hebrón Cancer and Pediatric Ematological Diseases, spiega in Scrittura medica che con questo secondo studio “cerchiamo di comprendere il complessità di molti di questi tumori pediatrici e vedere qual è il modo migliore dare la priorità in questo tipo di studio. Attualmente sono aperte le prove per il popolazione pediatrica coloro che soffrono di cancro sono pochi rispetto a quelli effettuati per curare questa stessa patologia negli adulti, quindi è “fondamentale avere più studi clinici, consentendo a più pazienti di beneficiare di terapie mirate e sapere se la sopravvivenza è aumentata”.


“Cerchiamo di comprendere la complessità di molti dei tumori pediatrici e vedere qual è il modo migliore per dare priorità a questo tipo di studio”


Anche se lui atti mappy 2 è già iniziato Franciail paese che guida lo studio e ha attuato al suo interno Sistema sanitario nazionale questo tipo di test diagnostici e di ricaduta, Vall d’Hebrón sta attualmente effettuando il operazioni amministrative per la tua partecipazione “Da quando è iniziato il primo studio nel 2016, Ci sono stati progressi, ma c’è ancora molta strada da fare. Di tutti i malati di cancro, il 69 per cento Ha ricevuto un raccomandazione terapeutica. Di questi pazienti, solo uno 10 per cento era con una terapia in cui si erano già viste prove che c’era a beneficio clinico. Dobbiamo accumulare più certezze per questo tipo di raccomandazione”, conferma Soriano.

Questa nuova ricerca, che includerà altri paesi europei e alcuni ospedali spagnoli, mira a creare comitati molecolari internazionali condividere le conoscenze e continuare ad aumentare l’accesso alle sperimentazioni cliniche con terapie mirate. Nelle parole di Soriano, “molti dei tumori avanzati hanno diverse alterazioni oncogeniche rilevanti, evidenziando la grande complessità del cancro e la necessità di team esperti quando si tratta di dare la priorità e consiglia trattamenti. Per questo motivo, è fondamentale per il design nuovi studi clinici adattato al grado di complessità delle malattie.

Un proprio programma di medicina personalizzato in Spagna

Un altro scopo dello studio internazionale che Vall d’Hebrón intende raggiungere è continuare a generare dati genomici Y conoscenza per la ricerca futura con nuovi trattamenti. Riguardo a questa sezione, lo specialista afferma che “in ospedale eravamo chiari sul fatto che partecipare a Mappyacts significasse per imparare. Italia Y Irlanda sono i paesi partecipanti in aggiunta a Spagna e abbiamo inviato i campioni in Francia, mentre qui abbiamo effettuato il sequenziamento e l’interpretazione dei dati nel Centro nazionale per l’analisi genomica (CNAG), e con loro abbiamo discusso i risultati e le priorità. Volevamo essere indipendenti una volta terminato lo studio e avremmo potuto iniziarer il nostro programma in Spagna, noto come comico. Il nostro prossimo passo sarà Programma a matitache cerca di promuovere la medicina personalizzata in tutta la Spagna”.

Il biopsia liquida è stato un elemento fondamentale in mappyactsil primo progetto che ne ha studiato l’utilizzo per analizzare il DNA circolante nel sangue in questa popolazione. Ora, in questa seconda parte della ricerca, Soriano intende “ampliare i progetti di ricerca con la loro implementazione per continuare a studiare le alterazioni molecolari”.


“Volevamo essere indipendenti una volta terminato lo studio e poter avviare il nostro programma in Spagna”


Ancora una volta, il équipe multidisciplinari hanno svolto un ruolo chiave in relazione a questi tipi di programmi di medicina di precisione. Come ricorda lo specialista, «una profonda conoscenza del tumori pediatricisuo biologialo sviluppo di nuovi farmaciil risultato del test cliniciil disponibilità studi clinici aperti, così come altri opzioni di trattamento che possono essere rilevanti per il paziente. Pertanto, le discussioni tra medici e scienziati nei comitati molecolari dei tumori pediatrici sono cruciali in questi programmi di medicina di precisione”.

Il riconoscimento della genetica clinica come nuova specialità

Il studio della genetica è emerso come uno dei principali protagonisti quando si tratta di realizzare programmi di medicina personalizzata, e questo nuovo scenario è rivendicato da Soriano: “Questi tipi di programmi di medicina personalizzata evidenziano la necessità di riconoscimento del Specialità di Genetica Clinica e il riconoscimento dei biologi come professionisti della salute da parte del ministero della Salute”. La medicina di precisione per i pazienti oncologici pediatrici avanza in Spagna e il passo successivo, il progetto a matitaè vicino ad essere una realtà.

Sebbene possa contenere dichiarazioni, dati o note di istituzioni sanitarie o professionisti, le informazioni contenute in Medical Writing sono curate e preparate da giornalisti. Raccomandiamo al lettore di consultare un professionista sanitario per qualsiasi domanda relativa alla salute.

Add Comment