Lali Espósito ha animato il gala e “The good boss” è stato il grande vincitore

Il grande favorito era all’altezza del compito. “Il buon capo”, di Fernando León de Aranoa e interpretato da Javier Bardem, ha vinto i premi più importanti ed è stata la prima vincitrice della nona cerimonia dei Platinum Awards, consegnati questa domenica a Madrid.

Il film spagnolo ha vinto nelle categorie miglior film, miglior sceneggiatura, miglior attore e miglior regista. maixabeldi Icíar Bollaín, che è stata l’altra produzione con il maggior numero di nomination, ha vinto un unico ma importante premio: migliore attrice. Lui seguì Madri Paralleles, di Pedro Almodovar e interpretato da Penélope Cruz (che ha perso contro l’attrice da maixabel). Ne ha portati a casa tre: miglior interpretazione femminile non protagonista, musica originale e direzione artistica.

Durante uno sfolgorante gala, condotto da Lali Espósito e dall’attore spagnolo Miguel Ángel Muñoz, il meglio del cinema iberoamericano e delle produzioni audiovisive si è concentrato presso il Palazzo Municipale IFEMA di Madrid. E il tappeto rosso aveva Livello Oscar. Con Bardem e Guillermo Francella (che fu filtrato dal sedile, come parte dello spettacolo).


Il regista Fernando León de Aranoa riceve il premio per il miglior film per “The Good Boss”. foto EFE

“Il personaggio di questo film supera qualsiasi cosa io possa immaginare”, ha detto Bardem tra gli applausi mentre saliva sul palco per ringraziare il regista e dedicare il premio alla sua defunta madre in occasione della festa della mamma in quel paese.

Tra tanto partito spagnolo, l’Argentina ha devastato.

La statuetta per la Miglior Miniserie o Serie TV è andata a Il Regno, il thriller politico poliziesco di un pastore evangelico, con Diego Peretti, Chino Darín, Mercedes Morán e Nancy Duplaá, che ha già confermato la stagione 2 su Netflix. È stato il più nominato nella storia di questi premi. gareggiato con Isabella, Luis Miguel: La serieY Narcos: Messico.

Il premio “vogliamo consegnarlo al pubblico, che non solo è stato intrattenuto da ‘El Reino’, ma è andato anche a discutere le questioni che tocca: chi ci manda, perché i partiti ultraconservatori si uniscono alle chiese limitare i diritti, in particolare le donne e la dissidenza?” ha detto Claudia Piñeiro, la scrittrice che ha agito come sceneggiatrice.

I tifosi argentini, in festa

Anche se il talento argentino non ha preso tutti i riconoscimenti questa domenica. Il Regno, Naturalmente, ha capitanato la migliore delle statuette. E c’è stata una festa.

Javier Bardem riceve il premio come miglior attore per

Javier Bardem riceve il premio come miglior attore per “El Buen Patron”. foto EFE

Si è unito a quello che Mercedes Morán aveva vinto sabato, quando è stato annunciato che è stata scelta dal pubblico come migliore attrice protagonista in una miniserie o serie TV, per la coppia molto solida del pastore evangelista che interpreta la Peretti; e quello della serie stessa, premiata anche con il Platino del Pubblico.

Ma Darino cinese, che è stato nominato come attore protagonista per il suo lavoro come fidanzato della figlia dei pastori, ha perso contro Javier Camera. E Mercedes Morán ha perso contro Daniela Ramírez.

Nancy Duplaa è stata tra quelle selezionate per l’attrice non protagonista, per il suo ruolo di procuratore impegnato che scava nella morte iniziale della serie. Ma il premio è andato a Najwa Nimri, per Alicia Sierra, la ‘poliziotta cattiva’ della terza stagione de La Casa de Papel.

Gioacchino Furrielil manager della campagna maschilista del pastore, ha vinto il premio come miglior attore non protagonista in una miniserie.

I creatori della serie, Piñeiro e il regista Marcelo PiñeyroHanno anche vinto. Hanno gareggiato con Alejandro Amenábar, per La fortuna; Juan José Campanella, per gli inviati e Pepe Coira per Ferro da stiro.

L’Argentina ha aggiunto un’altra occasione d’oro con io ragazza, io principessa, il film sulla storia di Luana, la prima ragazza trans al mondo che ha ricevuto il suo DNI in base alla sua auto-percezione di genere. Il film di Federico Palazzo è stato nominato nella categoria Premio Educazione Film e Valori. Ma il film messicano ha vinto I lupiuna lettera d’amore in formato film, per ringraziare una mamma.

La China Suárez, che oltre a recitare ora si è lanciata nella musica, ha consegnato il premio per la migliore interpretazione non protagonista in una miniserie; ed era presente anche Cecilia Roth.

Il galà

L’inaugurazione quest’anno non è avvenuta con il video. La cantante spagnola Nia ha aperto la cerimonia con La vita è una festaun omaggio alla tenera Celia Cruz.

Successivamente è iniziato un galà che ci ha permesso di vedere la felicità e il disincanto delle celebrità senza maschera. Da pochi giorni la Spagna ha revocato l’obbligo di indossare “maschere” negli spazi chiusi e, ad esempio, l’attrice Carmen Maura (che ha ricevuto il Platino Onorario)non doveva essere a un metro e mezzo dallo stesso Bardem, perché il distanziamento sociale non è più richiesto.

Uno dei grandi momenti del gala: Carmen Maura che riceve il Premio d'Onore.  foto EFE

Uno dei grandi momenti del gala: Carmen Maura che riceve il Premio d’Onore. foto EFE

Clarione ha scoperto che a Madrid la pandemia è già una scena precedente. Dalle abitudini -come il ritorno del saluto spagnolo con due baci-, i volti nudi delle maschere e il clima delle tapas, delle razioni, chela (Così chiamano la birra alla spina) in Plaza Mayor o nel quartiere di Las Letras.

Nessuna restrizione pandemica quindi, e con l’arrivo di più di 100 giornalisti accreditati per il Platinumnella capitale spagnola in questi giorni si parlava solo di buon cinema e di grandi serie.

Un momento della performance di Lali Esposito alla cerimonia dei Platino Awards.  foto EFE

Un momento della performance di Lali Esposito alla cerimonia dei Platino Awards. foto EFE

L’umorismo è iniziato con Lali. “Sei più spagnola di Cibeles”, le disse Muñoz, riferendosi alla mitica piazza che appare in quasi tutti i film che vengono registrati a Madrid. L’argentino, vestito con un abito di lattice nero, ha appena terminato il Rojade della Stagione 3 di rosso cieloil che significava 5 mesi di residenza in questa capitale europea.

Il primo premio aveva un accento argentino. Per la categoria Iberoamericana Opera Prima. ha vinto karnawaldel regista Carlos Félix, una coproduzione del nostro Paese, Bolivia, Brasile, Cile, Messico e Norvegia.

La migliore interpretazione non protagonista è stata la statuetta successiva e la categoria maschile e femminile è stata combinata. Alfredo Castro ha vinto, per karnawalil suo secondo platino e il secondo intorno al film, e Aitana Sánchez-Gijón per madri parallele (Ha battuto i suoi compagni nel film, Amor e Milena Smit). Subito dopo, il duo di Kany García e Rozalén, che ha presentato la loro nuova canzone, ha riacceso l’atmosfera di festa.

il di La migliore sceneggiatura è andata a Fernando León de Aranoa per Il buon modelloche è anche il regista di quel film. Quindi, era già palpitante che il favorito avrebbe passato una fantastica serata.

A un altro livello, era serio, una celebrazione di questo livello, in Europa, non poteva mancare nel contesto della guerra russo-ucraina. Álvaro Morte, l’attore che interpreta Il Professore in La rapina di denaroe la messicana Karla de Souza, chiedevano alle attrici e agli attori di guardare sotto i sedili.

Il finale ha avuto “un difetto tecnico”, ha detto Morte, ma il messaggio era perfetto: con carta blu e gialla, hanno formato un’enorme bandiera ucraina.

Madri Parallele Ha vinto un premio nella categoria Art Direction, nelle mani di Antxón Gómez.

Come potrebbe essere altrimenti, Lali -che è già come una Rosalía “argentata- ha lasciato il suo ruolo ospite e si infilò completamente in una tuta, anche lei di lattice ma rossa, per cantare la sua colpire, Disciplina. “Argentina in casa!” ha urlato alla fine.

Sia il nostro paese ha avuto il galà che c’era anche il tango. Era poco prima della fine, quando hanno annunciato il platino per il miglior film per El Buen Patrón, la satira del lavoro che ha preso tutto, il 1° maggio.

Tutti i vincitori dei Platinum Awards 2022

miglior film di finzione

il buon capo

madri parallele

maixabel

Notte di fuoco

miglior indirizzo

Fernando León de Aranoa

Iciar Bollain

Pedro Almodovar

Tatiana Huezo

Miglior performance maschile

Edoardo Fernandez

Javier Bardem

luigi tosar

Rodrigo Santoro

Miglior performance femminile

Angela Molina

Portillo bianco

Ilse Salas

Penelope Cruz

Miglior interpretazione maschile non protagonista

Alfredo Castro

Cristiano Malheiros

Manolo Solo Urko Olazabal

Miglior interpretazione femminile non protagonista

Aitana Sanchez-Gijon

Almudena Amore

Ana Cristina Ordonez Gonzalez

Milena Smith

Miglior miniserie o serie televisiva

Il Regno

Isabella

Luis Miguel: I Narcos: Serie Messico

miglior film d’animazione

Ainbo, il guerriero amazzonico

Bob Cuspe: non ci piacciono le persone

Salva l’albero (Zutik!)

Valentino

Miglior sceneggiatura

Abner Benaim

Fernando León de Aranoa

Henrique Dos Santos, Aly Muritiba

Iciar Bollain, Isa Campo

miglior film documentario

100 giorni con la zia

fino all’ultima foresta

chi lo impedisce

Rita Moreno: solo una ragazza che ha deciso di provarci

Miglior primo film di finzione

Chiara da sola

karnawal

Libertà

Nessun segno particolare

Migliore direzione di montaggio

Germano de Oliveira, per 7 prigionieri

Miglior creatore di una miniserie o serie TV

Alejandro Amenàbar

Giovanni Giuseppe Campanella

Marcelo Pineyro, Claudia Pineiro

Pepe Coira

Miglior interpretazione maschile non protagonista in una miniserie o serie TV

Alberto San Giovanni

Enrico Auquer

Gioacchino Furriel

Karra Elejalde

migliore direzione del suono

Carlos Garcia

Iván Marín, Pelayo Gutiérrez, Valeria Arcieri per Madri parallele

Lia Camargo

Miglior interpretazione maschile in una miniserie o serie TV

Darino cinese

Dario Grandinetti

Diego Bonetto

Javier Camara

Miglior interpretazione femminile in una miniserie o serie TV

Candela Pena

Daniela Ramirez

Maribel Verdu

Mercedes Moran

.

Add Comment