Guerra Russia-Ucraina. Mistero, voci e dubbi: cosa dicono gli specialisti sulla salute di Vladimir Putin

PARIGI.- Cosa succede alla salute di Vladimir Putin? La questione, da anni regolarmente ripetuta nel dibattito pubblico, ha acquisito una nuova portata nei giorni scorsi dopo la pubblicazione di diversi video in cui lo si vede sensibilmente indebolito. Uno di quei documenti, pubblicato il 12 aprile, ha suscitato grande agitazione: si vede prostrato e pallido, per a riunione su guerra in ucraina con il suo ministro della Difesa, Sergej Shoigu.

Per 12 lunghi minuti, Putin sembra fare una smorfia di dolore, la testa immobile, sepolta nel collo. dettaglio straordinario, la sua mano destra rimane saldamente aggrappata a un angolo del tavolo per tutta la durata dell’intervista. Un modo per nascondere i suoi tremori? Su social e tabloid, l’ipotesi di un morbo di Parkinson che avrebbe colpito l’autocrate del Cremlino è stata rapidamente evocata. Questa teoria è stata rafforzata dalla pubblicazione di un altro video tre giorni dopo, in cui viene visto ricevere il presidente bielorusso Alexander Lukashenko. Una delle sue gambe sembra irrigidita e la sua mano destra trema.

Un video di Vladimir Putin che si aggrappa con forza a un tavolo riaccende le voci sulla sua salute

Il professor Erik Bucy, esperto di linguaggio del corpo presso l’Università del Texas, ha detto al tabloid britannico Il Sole cosa è stato “In queste immagini si vede un Putin incredibilmente indebolito, rispetto all’uomo che il mondo conosceva qualche anno fa”.

“Un presidente senza disabilità non avrebbe bisogno di sostenersi con una mano per mantenere l’equilibrio e non si preoccuperebbe di tenere entrambi i piedi ben piantati per terra”lui ha indicato.

Il 12 aprile 2022 il presidente russo Vladimir Putin stringe la mano al presidente bielorusso Alexander Lukashenko durante i colloqui presso l’edificio tecnico del complesso tecnico del razzo spaziale Soyuz-2 al cosmodromo di Vostochny, a circa 180 km a nord di Blagoveschensk, nella regione dell’Amur.MIKHAIL KLIMENTYEV – Sputnik

Ma si può fare seriamente una diagnosi medica sulla base di pochi minuti di immagini? LA NACION ha consultato alcuni Specialisti e oncologi di Parkinson. Tutti gli assicurano che, anche se certi segni possono destare dubbi, è impossibile decidere attraverso una manciata di immagini.

“Una consultazione è essenziale. specialmente per valutare la rigidità muscolare del paziente e vedere se è collegata a una mancanza di dopamina nel cervello che provoca una riduzione del movimento, caratteristica di questa malattia”, ha sottolineato il professor Stéphane Palfi, dell’ospedale Henri-Mondor.

Anche i medici lo sottolineano I trattamenti per il Parkinson sono oggi estremamente efficaci, almeno nei primi anni.

“Con un paziente ben curato – e immagino sia il caso di Putin – è raro vedere un segno della patologia”ha detto a sua volta il professor Philippe Damier, neurologo dell’ospedale di Nantes. Con il tempo e la progressione della malattia, i farmaci diventano più difficili da bilanciare. Quando i pazienti sono “sovra medicati”, possono presentare gesti anormali. “Questo potrebbe essere compatibile con lo strano movimento della mano nel video, quando trova Lukashenko. Ma è ancora molto speculativo”. avverte il medico.

Vladimir Putin, nella cattedrale di Mosca per la Pasqua ortodossa.  (Foto AP/Alexander Zemlianichenko, Piscina)
Vladimir Putin, nella cattedrale di Mosca per la Pasqua ortodossa. (Foto AP/Alexander Zemlianichenko, Piscina)Alexander Zemlianichenko – Pool AP

Al contrario, il modo in cui l’autocrate russo cammina nella stessa sequenza non è caratteristico del Parkinson. “I pazienti avanzano a piccoli passi, con il peso del corpo che sembra cadere in avanti”indica il professor Palfi.

E il suo modo di aggrapparsi compulsivamente al tavolo durante la sua intervista a Shoigu, in cui alcuni pensavano di aver intuito il desiderio di nascondere i suoi tremori? “Dato che non puoi vedere nulla, è impossibile dire qualcosa. Senza contare che questo sintomo non compare nel 60% dei pazienti, e che anche molte altre patologie possono causare questi tremori”, Continua Pafi. Quanto al volto gonfio, quasi lunare del presidente russo, sarebbe un argomento contro il Parkinson. “I pazienti hanno una faccia piuttosto spigolosa”indica lo specialista.

Quello stesso gonfiore del viso tenderebbe anche a escludere a cancro alla tiroide. Questa ipotesi si ripete sempre di più sui media e sui social, alimentata dalla presenza vicino a Putin di specialisti in questa patologia. I media russi indipendenti Progetto ha rivelato ad aprile che il chirurgo oncologo Evgeny Selivanov gli avrebbe fatto visita almeno 35 volte, trascorrendo un totale di 166 giorni al suo fianco in quattro anni, mentre due otorinolaringoiatri, Igor Esakov e Alexey Shcheglov, sarebbero rimasti con Putin per almeno 282 giorni.

“Ma il cancro alla tiroide non provoca mai gonfiore al viso”, afferma Maria Lesnik, OLR e chirurgo presso l’Istituto Curie. “Si manifesta attraverso un nodulo a livello di quella ghiandola e viene trattato con un intervento chirurgico ed eventualmente con iodio radioattivo. Ma non è nulla per causare gonfiore o aumento di peso”, dice.

Un ipotiroidismo, cioè una produzione insufficiente di ormone tiroideo, potrebbe invece causare un gonfiore del viso. Ma poiché è una condizione facile da trattare, i segni non dovrebbero durare, aggiunge lo specialista. Per molto tempo resta l’ipotesi di una dose elevata di corticosteroidi. Se è vero che può causare aumento di peso e gonfiore del viso, questi farmaci non sono specifici per una patologia precisa. Linfomi, malattie autoimmuni o infiammatorie, malattie renali…: questi sono farmaci ampiamente utilizzati. Impossibile quindi trarre una conclusione. Tanto più che, al contrario, i corticosteroidi non sono gli unici a causare questi cambiamenti fisici: un eccesso di botox, usato per cancellare le rughe, può causare lo stesso risultato.

Putin, in un teleincontro con i ministri al Cremlino.  (Mikhail Klimentyev, Sputnik, foto della piscina del Cremlino tramite AP)
Putin, in un teleincontro con i ministri al Cremlino. (Mikhail Klimentyev, Sputnik, foto della piscina del Cremlino tramite AP)Mikhail Klimentyev – Piscina Sputnik Cremlino

Lo scorso marzo, un ex ministro degli Esteri britannico lo ha accennato Putin potrebbe essere dipendente dagli steroidi.

“Penso che la sua immunità sia alterata, sia dal corticosteroidi che vengono somministrati per alcune malattie, sia dagli steroidi che vengono somministrati alle persone che fanno sollevamento pesi”, disse senza andare oltre.

Ma, che sia malato o meno, la diffusione di queste immagini permette di porre domande. Più abituato a presentarsi a torso nudo durante le sue battute di caccia in Siberia, o in kimono sui materassini da judo —Putin è cintura nera di 8° dan di judo— l’autocrate russo ha costruito la sua intera carriera politica sull’immagine di un uomo forte.

“Il fatto di diffondere queste immagini dove appare indebolito potrebbe essere un segno che, dietro le quinte, alcuni stanno cercando di preparare la successione”, avanza la storica Françoise Thom, specialista in Russia. È vero che, durante la vita di Stalin, le voci secondo cui era stato vittima di emorragie cerebrali o di un attacco cardiaco avevano cominciato a circolare nei circoli diplomatici già nel 1945 e riflettevano una lotta per l’influenza tra i suoi potenziali successori.

In più di 20 anni di regno, sono trapelate pochissime informazioni ufficiali sulla salute di Vladimir Putin. In ogni caso il Cremlino non ha mai denunciato una malattia grave. Fin dal suo primo mandato, il presidente russo non aveva esitato a “mascherare” una brutta caduta da cavallo che gli aveva causato un acuto mal di schiena, secondo Progetto. Anni dopo, l’incidente è stato confermato -e minimizzato- dalla stessa parte interessata, quando ha ricordato nel 2021 di aver compiuto un “salto pericoloso” prima di “atterrare, abbastanza a disagio sulla segatura”.

Vladimir Putin al Cremlino.  (Foto di Alexei Druzhinin / Sputnik / AFP)
Vladimir Putin al Cremlino. (Foto di Alexei Druzhinin / Sputnik / AFP)ALEXEI DRUZHIININ – Sputnik

Françoise Thon lo ricorda “Storicamente, c’è sempre stato un culto della segretezza sulla salute dei leader russi e dei sovietici prima di loro. E quando sei diventato consapevole di quei problemi, di solito era perché erano diventati troppo evidenti per essere nascosti”.

Ma, secondo lui, sarebbe un errore soffermarsi su questa domanda: “Ciò porta a scartare altri aspetti molto più gravi della crisi. La realtà è che, malato o no, Vladimir Putin ha portato il mondo sull’orlo della guerra. E la speranza che un’eventuale malattia lo dissuada non è altro che un’illusione”, avverte.

Add Comment