Aumenta giugno: luce, gas, affitto, medicine prepagate, lavoro domestico e Netflix

A metà marzo, mentre stava conducendo un atto per l’inaugurazione di una stazione ferroviaria a Tortuguitas, in giorni in cui l’obiettivo principale del partito al governo era che il Congresso finisse di approvare l’accordo con il FMI, fattore chiave della frattura interna del Fronte di Tutti, il presidente Alberto Fernández ha promesso che sarebbe iniziata la “guerra contro l’inflazione”.

Ma la verità è che, al di là di lievi variazioni al rialzo o al ribasso, prezzi e tariffe continuano ad essere l’asse centrale per il Governo e per la gara tra il ministro Martín Guzmán e i suoi detrattori, come dimostrano le recenti dimissioni di Roberto Feletti da segretario di Commercio interno.

In questo contesto di indici soffocanti (nel primo trimestre 2022 l’inflazione accumula un rialzo del 23,1%), parità che in molti casi restano indietro, tentativi di decompressione come le variazioni di Guadagno, i prezzi dei servizi essenziali per tutti (come gas ed elettricità) e altri immobili per alcuni (medicinali prepagati, dipendenti domestici o TV in streaming), saliranno alle stelle a giugno e influenzeranno ancora una volta l’indice dei prezzi al consumo che chiuderà il primo semestre dell’anno.

Quali aumenti arrivano a giugno?

Elettricità

Secondo quanto concordato tra Economia e Fmi, le tariffe dell’elettricità aumenteranno in linea con l’evoluzione dei salari nel 2021, al di sotto dell’inflazione. Dopo le audizioni pubbliche per l'”adeguamento tariffario” del servizio elettrico nell’Area Metropolitana di Buenos Aires (AMBA) tenutesi a maggio, il Ministero dell’Energia ha ufficializzato le nuove tariffe per le utenze residenziali:

16,52% da giugno per chi non ha una tariffa sociale, che si aggiunge al 20% in vigore da marzo.

6,88% per coloro che hanno una tariffa sociale.

Secondo le stime dei tecnici della Segreteria per l’Energia, la bolletta media finale passerà da 1.610 a 1.876 dollari, per un utente senza tariffa sociale, e da 843 a 901 dollari, con tariffa sociale.

Gas

Dopo le audizioni pubbliche, il ministero dell’Energia ha fissato per giugno un aumento del 21,5% per gli utenti residenziali di gas naturale attraverso reti che non hanno tariffa sociale e non rientrano nel 10% di utenti con il più alto potere d’acquisto.

Già a marzo è stato applicato un aumento del 21,3% agli utenti con tariffa sociale, che sarà l’unico dell’anno, secondo il ministro dell’Economia, Martín Guzmán. Intanto, per chi non percepisce la tariffa sociale, ma non può permettersi l’intero costo delle tariffe, l’aumento per tutto il 2022 sarà del 42,7% e non dovrà superare l’80% del Coefficiente di variazione salariale 2021.

medicina prepagata

Il governo ha autorizzato le aziende di medicinali prepagati ad applicare un aumento del 10% delle bollette da giugno. Nel 2022 i prezzi della sanità privata sono già aumentati del 9% a gennaio, del 6% a marzo, del 6% ad aprile. Dopo il 10% di giugno, aumenteranno del 4% a luglio.

Secondo le normative ufficiali, le prepagate e le opere sociali devono aumentare le tasse che pagano a Cliniche, Sanatori, Ospedali privati ​​e Operatori sanitari per i mesi di maggio, giugno e luglio di almeno il 90% dell’aumento percentuale del loro reddito a titolo di spese mediche anticipate o trattative sindacali congiunte per ciascun periodo considerato.

Con questi nuovi valori, il costo di un piano medico prepagato medio sarà di circa 35mila dollari, un settore che conta 5,5 milioni di beneficiari, di cui un milione e mezzo in opzione e il resto deriva dal trasferimento delle opere sociali.

Personale di case private

Le persone che lavorano in Casas Particulares riceveranno a giugno un aumento del 15% del reddito, che si aggiunge al 6% di aprile e al 9% di maggio, secondo quanto concordato in parità (30% per il primo semestre di 2022).

Inoltre è previsto un addizionale per zona sfavorevole, pari al 30% del salario minimo stabilito per ciascuna categoria, per chi svolge mansioni nelle province di Tierra del Fuego, Santa Cruz, Chubut, Neuquén, Río Negro, La Pampa e la festa di Buenos Aires. di Carmen de Patagones.

Ecco come restano gli stipendi da giugno:

  • Le attività generali (pulizia, lavaggio, stiratura, manutenzione, preparazione e cottura dei pasti) addebiteranno $ 362,50 l’ora e $ 44.517,50 al mese.
  • L’assistenza e la cura delle persone (bambini e anziani) riceveranno $ 390,50 l’ora e $ 49.503 al mese.
  • I proprietari riceveranno $ 390,50 l’ora e $ 49.503 al mese;
  • Attività specifiche (ad esempio, cuochi) addebiteranno $ 414 all’ora e $ 50.738 al mese.
  • I supervisori saranno pagati $ 437,50 l’ora e $ 54.612,50 al mese.

Affitti

Mentre in questi giorni al Congresso si discute della nuova legge sull’affitto, gli inquilini devono pagare aumenti del 54% per coloro che hanno firmato il contratto a maggio 2021, secondo l’evoluzione dell’indice di localizzazione pubblicato dalla Banca Centrale della Repubblica Argentina.

Netflix

La piattaforma TV in streaming più utilizzata in Argentina aumenterà il prezzo dei suoi abbonamenti in Argentina fino al 27,6% dal 25 giugno 2022.

  • L’abbonamento di base, che ti consente di guardare film e serie in qualità SD su un unico dispositivo, costerà $ 429 (era $ 376), più $ 274,56 per le tasse argentine; Totale: $ 703,56.
  • Lo standard, che consente la visualizzazione su due dispositivi e la qualità HD, costerà $ 799 (era $ 639), più $ 511,36 di tasse, per un totale di $ 1.310,36.
  • Il Premium, con il quale puoi guardare fino a 4 dispositivi contemporaneamente e in qualità Ultra HD, costa $ 1.199 (era $ 939), più $ 767,36 di tasse, quindi il prezzo finale è $ 1.966,36.

Quali tasse devono essere pagate?

  • Imposta sul valore aggiunto (IVA) del 21%
  • Imposta sulle transazioni virtuali (PAIS) dell’8%
  • Fiscale con delibera 4.815/2020 del 35% (i soggetti che non sono soggetti all’Irpef o al Patrimonio Personale possono consultare l’AFIP, tramite istanza, se spetta a loro richiedere il rimborso del 35% dell’acconto versato).

Totale: 64% di tasse aggiuntive.

.

Add Comment